MENU

Città di Ariccia

Il Comune di Ariccia istituisce un conto corrente per le erogazioni liberali finalizzate al finanziamento di interventi per il contenimento e la gestione dell’emergenza COVID-19.

Il Comune di Ariccia con la Delibera di  Giunta n. 66 del 14 maggio 2020 ha disposto  l’istituzione, ai sensi dell’art.66 del decreto-legge 17 marzo 2020, n.18 “Misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da covid-19», convertito, con modificazioni, nella legge 24 aprile 2020, n. 27, di un conto corrente dedicato presso la tesoreria comunale per la ricezione delle erogazioni liberali che dovessero essere effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche, enti non commerciali e titolari di reddito di impresa finalizzate a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.  

In particolare l’articolo 66 della norma sopra citata prevede,  per i soggetti che effettuano erogazioni liberali in favore dell’ente locale, una detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro; mentre per le erogazioni liberali in denaro o natura effettuate da soggetti titolari di reddito di impresa, si applica l’articolo 27 della legge 13 maggio 1999, n. 133. Si tratta di una importante opportunità che potrà integrare ed ampliare le misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica in atto già avviate e disposte dal Comune di Ariccia con le precedenti deliberazioni n.54 del 01/04/2020 e n.59 del 24/04/2020. Con il provvedimento è stato stabilito che l’impiego delle risorse sarà destinato a misure di sostegno alimentare alla popolazione (40%), ad ausili e strumentazione funzionale allo svolgimento della didattica scolastica a distanza (40%) e a dispositivi di protezione individuale per la cittadinanza e misure di controllo per la verifica dell’attuazione delle misure di sicurezza per prevenire la diffusione e il contagio del virus COVID-19 (20%). L’erogante avrà anche la possibilità di indicare una specifica finalità per la propria donazione purché compatibile con la finalità del conto dedicato, ovvero per interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.